Bimba di 2 anni trovata accanto ai cadaveri dei genitori. Erano morti da giorni


Una bambina di 2 anni, Alexandra, è stata ritrovata in casa accanto ai cadaveri dei genitori, morti da giorni. Il fatto è accaduto in Ucraina, dove la polizia ha fatto irruzione in un appartamento a seguito della segnalazione dei vicini, allarmati dal cattivo odore. (Continua  a leggere dopo la foto)




Al momento dell’irruzione, gli agenti si sono trovati di fronte ad uno scenario da incubo: la bambina, in forte stato di di denutrizione, era accanto ai corpi dei genitori, morti ormai da giorni. All’interno dell’appartamento sono state trovate diverse siringhe. (Continua a leggere dopo la foto)


Stando alle informazioni raccolte da alcuni conoscenti, la coppia era tossicodipendente. Le ultime persone ad averli visti vivi sarebbero stati proprio i vicini, i quali hanno affermato di averli incontrati il 2 maggio. Proprio quella sera li avrebbero sentiti litigare in maniera accesa.

La bimba è stata portata d’urgenza in ospedale, dove i medici l’hanno curata per disidratazione e malnutrizione. Non sarebbe in pericolo di vita. (Continua a leggere dopo la foto)



Alcuni giorni prima del ritrovamento, un’amica della famiglia aveva scritto un post su Facebook, chiedendo notizie della bambina e della madre. Le cause della morte non sono ancora note, anche se il ritrovamento di siringhe farebbe pensare ad una overdose. Non è chiaro, inoltre, se siano morti insieme. Le indagini proseguono.