Segregato in casa, torturato dalla ragazza per anni. In che condizione lo hanno ritrovato


Picchiato, torturato e segregato in casa per due anni dalla fidanzata. La vittima è un ragazzo di 22 anni inglese, Jordan Worth, la sua carnefice si chiama Alex Skeel. Una storia che dimostra come la violenza domestica non appartenga esclusivamente al genere maschile. Secondo quanto riferito da Fanpage, Jordan è stato costretto ad allontanarsi sempre più dalla sua famiglia e dai suoi amici, fino ad essere segregato dalla compagna, che controllava ogni sua azione e spostamento. La donna, pur sostenendo di amarlo, lo picchiava e lo torturava brutalmente.

Il ragazzo ha nascosto a lungo la sua condizione, sia per via dei propri sentimenti nei confronti della ragazza, sia a causa del timore del giudizio degli altri, in una società ancora poco avvezza all’idea che anche gli uomini possano aver bisogno di protezione. L’incubo di Jordan si è concluso solo nel 2018, dopo anni di abusi, quando la sua fidanzata è stata arrestata a condannata per violenza domestica. Continua dopo la foto




Dopo l’arresto, gli stessi agenti di polizia hanno ammesso: “È così inusuale che una donna commetta simili reati che semplicemente la cosa non riusciva a entrare nelle nostre teste con la stessa rapidità con cui avrebbe dovuto farlo”. Eppure, il corpo del 22enne porta i chiari segni di ciò che è stato costretto a subire. Alex lo ha picchiato, accoltellato e ustionatocon acqua bollente. Continua dopo la foto



La fidanzata lo ha segregato nella loro casa di Stewarby, nel Bedfordshire, negandogli il cibo. Jordan è stato inoltre costretto a dormire sul pavimento per nove mesi. Dopo aver sporto denuncia, il ragazzo è stato visitato e i medici gli hanno diagnosticato un grave deperimento fisico e mentale. Sono stati necessari mesi di riabilitazione. Continua dopo la foto



 


Secondo quanto riportato dal The Sun, Jordan e Alex si sono conosciuti nel 2012, al college, quando avevano 16 anni. Qualche anno dopo, sono andati a vivere insieme. Ma ben presto il desiderio della ragazza di controllare ogni aspetto della vita del partner è diventato evidente. I primi episodi di violenza si sono verificati quando Alex ha iniziato a soffrire di idrocefalia, causata da un aumento del liquido cerebrale.

Ti potrebbe anche interessare: Sangue sulla provinciale. Roberto muore sul colpo, grave la moglie incinta